Italian Hoop Connection 2012

– IHC 2012 –

Here is an article written by a participant of the Italian Hoop Connection 2012

The second Italian Hula Hoop connection took place in Monzuno Vado, a very small village in the hills close to Bologna, from Friday the 6th to Sunday the 8th of July 2012.

Organized by Paola Berton (Hula Hoop Land http://www.facebook.com/hula.hoopland), the event has become an international gathering with hoopers coming form different parts of Europe, and first class teachers: Gail O’Brien (HoopSpin) recently nominated female hooper of the year by hooping.org, Nick Broyd (Hoop idol 2011), Steve Bags (The Hoop Hub), Gems Goddard (UK hoop gathering).

The timetable was very well planned with 3 workshops a day; we worked on:  keeping in contact with rolls, freeing isolations, putting the DANCE back into the hoop dance, z-spins and breaks. The workshops were meant for different levels and the teachers were so good and patient that all of us could follow without problems. The overall impression was that of a continuous exchange: we were all different people with different styles and all of us brought something useful.

Beside hooping the three days gathering also offered a  tribal fusion dance class  held by the beautiful Olivia Mancino (http://www.alkimiya-fusionlab.it ), Yoga classes at 8.00 a.m. (!!!) by Gems Goddard (UK Hoop Gathering), a Body Rock session by Jana Morrisova and a giant bubbles making workshop by Paola Berton.

The event took place in a beautiful cottage in the countryside “Il rifugio del viandante” (http://www.lecampagne.it/bed-and-breakfast-il-rifugio-del-viandante/index.php), managed by lovely Barbara and Luca, who take very good care of the hoopers, and cooked healthy Italian meals for everybody with special attention to vegetarian: salads, pasta, “caprese” (mozzarella and tomatoes), a fantastic beans soup, and fresh fruits and home made cakes. The space was quiet and relaxing, perfect to focus on hooping, but and also to party a lot without bothering anyone.

On Friday night a fantastic fire performance by Alkimiya Fuego left everybody speechless, and on Saturday evening locals from the village came to watch the Gala show with performances by Paola Berton, Gems Goddard, Domenico ( devil stick), Nick Broyd, Gail O’Brien, Steve Bags. The Gala show was then followed by an awesome party, where everybody danced with or without the hoop.

As a member of the Italian community, I really thank Paola and all the organization for bringing to Italy such an event and these teachers, as usually these conventions take place in northern Europe and are a bit out of reach. The problem many Italian hoopers like me are facing is that we are scattered everywhere in Italy, and even if it is a small country, transportation from one city to another is not so easy, and very time consuming;  some regions are quite isolated so many of us do not have an hooping partner. In some cities we also have to deal with a closed conservative culture and some restrictions for street performance, That’s why this event was really important to get to know each other, to play and dance together and to learn for once from someone else in person (instead of a video tutorial).

It was amazing to watch the hooping gods and goddesses perform live as you can really feel the energy and passion they put into it. It was really inspiring!

by Hoopissima

ITA:
Ecco un articolo scritto da una partecipante:

“Il secondo Italian Hula Hoop connection si è svolto a Monzuno Vado, un piccolo paese sulle colline nei pressi di Bologna, da venerdì 6 a domenica 8 luglio 2012.

Organizzato da Paola Berton (Hula Hoop Land http://www.facebook.com/hula.hoopland), l’evento si è trasformato in un raduno internazionale con hooper provenienti da diverse parti d’Europa e insegnanti di prim’ordine: Gail O’Brien (HoopSpin), recentemente eletta hooper femminile dell’anno da hooping.org, Nick Broyd (Hoop idol 2011), Steve Bags (The Hoop Hub), Gems Goddard (UK hoop gathering)

Il programma dell’evento era molto ben organizzato, con tre workshop al giorno. Abbiamo lavorato su: keeping in contact with rolls, freeing isolations, putting the DANCE back into the hoop dance, z-spin e break. I workshop erano calibrati per diversi livelli e gli insegnanti così bravi e pazienti che abbiamo tutte potuto seguire senza problemi. L’impressione complessiva era di uno scambio continuo: eravamo persone diverse con stili diversi, e ciascuno di noi ha contribuito con qualcosa di utile.

In aggiunta all’hooping, il raduno di tre giorni ha anche offerto lezioni di tribal fusion dance, tenute dalla bellissima Olivia Mancino (http://www.alkimiya-fusionlab.it), lezioni di Yoga il mattino alle 8.00 (!!!) di Gems Goddard (UK Hoop Gathering), una sessione di Body Rock di Jana Morrisova e workshop di bolle giganti di Paola Berton.

L’evento si è svolto in una bellissima casa in campagna “Il rifugio del viandante” (http://www.lecampagne.it/bed-and-breakfast-il-rifugio-del-viandante/index.php), gestita dagli adorabili Barbara e Luca, che si sono presi cura delle hooper e hanno cucinato piatti genuini per tutti e con particolare attenzione ai vegetariani: insalate, pasta, “caprese” (mozzarella e pomodoro), una fantastica zuppa di fagioli, frutta fresca e torta fatta in casa. Lo spazio era tranquillo e rilassante, perfetto per concentrarsi sull’hooping, ma anche per fare festa senza dare fastidio a nessuno.

Venerdì notte una fantastica esibizione di Alkimiya Fuego ha lasciato tutti senza parole, mentre sabato sera gli abitanti del paese sono venuti a vedere il Gala show, con esibizioni di Paola Berton, Gems Goddard, Domenico (devil stick), Nick Broyd, Gail O’Brien, Steve Bags. Al Gala show ha fatto seguito una gran festa, con tutti che ballavano con o senza hula hoop.

In quanto membro della comunità italiana, ringrazio di cuore Paola e tutta l’organizzazione per aver portato in Italia un tale evento e insegnanti di questo livello, giacché di solito queste convention si svolgono nel nord Europa e sono difficili da raggiungere. Il problema che si pone a molte hooper italiane come me è che siamo sparse un po’ in tutta Italia e, anche se il nostro è un paese piccolo, spostarsi da una città all’altra non è semplice e fa perdere molto tempo; per di più, alcune regioni sono piuttosto isolate e molte di noi non hanno una hooping partner. In alcune città dobbiamo anche aver a che fare con una mentalità chiusa e conservativa e con restrizioni sulle le esibizioni in strada. Ecco perché questo evento era tanto importante per conoscersi le une con le altre e per giocare e ballare insieme ed imparare da insegnanti in carne ed ossa, anziché da video tutorial!

E’ stato incredibile guardare gli dei dell’hooping esibirsi dal vivo e sentire l’energia e la passione che mettono in quello che fanno. Ed è stato fonte di grande ispirazione, ma fino al prossimo evento faremo affidamento sui video tutorial.”

by Hoopissima

PHOTO GALLERY

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...